martedì 26 febbraio 2013

Collezioni di ricordi...collezione di insegnamenti

Mi chiedo se quando per mio figlio arriverà il tempo dei sogni saprò  farlo ancora...ricorderò come e quanto sognavo anche io? sarò in grado di comprendere i suoi occhi, di capire quando naufragano tra i pensieri densi come succedeva a me? Mi ripeto sempre che non voglio dimenticare e ripeto a chi mi ascolta che ciò che sono stata, tutti i miei ricordi, gli eventi della mia vita  mi hanno fatto diventare quello che sono adesso e che non è vero che non mi aiuteranno a guardare avanti...anzi! credo  che grazie ad essi riuscirò a guardare oltre addirittura e se riuscirò sempre a custodire con cura ciascun "diario" nella memoria e nel cuore, a modularmi al meglio quando lo vedrò disteso sul letto guardare il soffitto o guardare dalla finestra  qualcosa che non starà di certo dietro ai vetri ma dentro al suo cuore, quando starà in silenzio, quando sembrerà triste e malinconico., quando sorriderà tra se e se, quando un lampo di gioia, di orgoglio, d'amore gli illuminerà gli occhi...beh...spero allora di saper ben utilizzare la mia collezione di ricordi e gli insegnamenti in essi racchiusi per riuscire a capire la sua età...

4 commenti:

  1. quando lo vedrai disteso sul letto guardare il soffitto o guardare dalla finestra qualcosa che non starà di certo dietro ai vetri ma dentro al suo cuore... forse sarà giusto che affronti da solo i suoi sogni... i suoi pensieri e le sue preoccupazioni... ci siamo passati tutti e grazie a quei sogni pensieri e preoccupazioni siam diventati ciò che siamo

    RispondiElimina
  2. la mia riflessione era un'altra e si incentrava solo su di me e su quelle che potranno essere un domani le mie capacità di comprensione perchè a mio modesto avviso un buon genitore deve sapere ben interpretare e all'occasione essere un punto di riferimento per il proprio figlio
    Ad ogni modo non credo che un individuo cresca e divenga più autonomo se lasciato sempre solo ad affrontare la propria crescita, soprattutto quella interiore e comunque un genitore deve essere presente in punta di piedi, tenersi pronto quando i figli chiederanno aiuto manifestandone la necessità e soprattutto quando lo faranno in silenzio perchè secondo la mia esperienza quelli sono i momenti in cui un individuo ne ha maggiore bisogno...

    RispondiElimina
  3. Manu mia... saprai svolgere il tuo ruolo al meglio, lo so...
    E' questione di sensibilità, esattamente come dici tu!
    PS: mi piace quando mi dici "Ombretta mia"...
    un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e ame piace quando mi dici "Manu mia"!!! grazie per la fiducia che mi dai un bacio a te è sempre bello trovarti qui

      Elimina

Il mio blog è captcha free, ciò significa che non perderai nè il tuo tempo, nè la tua vista per riuscire ad interpretare parole incomprensibili prima di poter lasciare i tuoi commenti :)
Lascia pure i tuoi commenti anche come anonimo, ma ricordati sempre di firmare, essi saranno visibili dopo la mia approvazione, così facendo potrò difendermi da spam, grazie mille per la tua pazienza!!! :)