martedì 14 settembre 2010

Maghetto schopping

La nostra 21esima settimana è appena iniziata e "il maghetto paciocco" ora si fa sentire sempre di più, sono gesti lievi di vita che mi fanno compagnia nelle lunghe giornate di solitudine trascorse a casa, è inevitabile sorridere, splendido non pensare in quei momenti  a nient'altro  se non alle sue manine o ai suoi piedini che crescono, al  suo faccino e a chissà se sorride mentre io sorrido.
Ho letto che a questo punto della gestazione il bimbo è molto attivo e che può addirittura giocare col suo cordone ombelicale...e io lo immagino giocare e sorridere e mi rincuora pensare che li immerso nel buio e nella quiete del progredire della sua vita non si annoi per niente...anzi!
In questi ultimi giorni il clima più autunnale mi ha dato modo di respirare, di sentirmi un po' più leggera, ci sono stati giorni di intensa pioggia con tanto di fulmini e tuoni molto intensi ed io e il suo papà pensavamo chissà cosa penserà un giorno quando vedrà la pioggia, noi adulti la diamo per scontata, ma ha un fascino immenso in verità e chissà come sarà bello scoprire insieme a lui  e notare nuovamente  cose che distrattamente non osserviamo più.
Abbiamo iniziato a fare un giro per comprare le sue cosine, è incredibile quante cose necessitino per un bambino e quanto oggigiorno sempre più il mercato cerchi di ingabbiarti in vortici di acquisti di cose diverse e mai economicamente vantaggiose. Mi chiedo se alcuni prezzi di molti articoli siano tali perché reali indici di qualità...come può un TRIO costare dai 250 agli 800 euro? mi chiedo se davvero il design possa valere più di una struttura funzionale e sicura, più di un tessuto lavabile e resistente all'usura tanto da triplicare la spesa!
Ci stiamo documentando a dovere per poter scegliere le cose più funzionali, sicure e utili chiedendo agli amici che sono diventati da poco genitori, consultando forum, siti specializzati e facendo mille domande al personale dei negozi  per bambini e alla fine tra le tante idee che ci passano per la testa una resta li sempre, ma perché ormai avere un figlio deve costare così tanto? mi rendo conto che è stupido fare paragoni col passato quando bastava un lettino, un porte-enfant e una bagnarola da bucato per fare il bagnetto ed ancora  una carrozzella, un seggiolone ed un box.
Non esistevano norme di sicurezza anti infortunio e l'evoluzione in questo senso è stata realmente positiva evitando dolorosi incidenti, ma  in realtà i nuovi prodotti a norma in proporzione, quanto hanno agevolato noi genitori e quanto di fatto hanno incrementato i guadagni di chi produce prodotti per l'infanzia? chi ne ha giovato di più in realtà?  queste domande me le pongo considerando i molti oggetti che si usano solo per pochi mesi, ma  comunque indispensabili, mi chiedo se si potessero costruire in modo da poterli sfruttare più a lungo e che poi i modelli dei TRIO, ad esempio, anno dopo anno si differenziano negli agganci, negli abbinamenti di colore in modo che,  ad esempio,  l'ovetto della produzione di due anni prima prestato da un amico non possa essere utilizzato nel nuovo passeggino, che alla fine non conviene neanche acquistare considerando che, chissà perché, costa quasi quanto il TRIO completo!
E poi mi sono anche chiesta come mai un paracolpi costa quanto un piumone matrimoniale? e preciso che non parlo di rigatino, valencienne, sangallo e ricami fatti a mano perché quelli  li costano quanto l'intero corredo di una sposina, ma di semplici modelli con rifiniture più o meno curate,  di cui si enfatizza la confezione in tessuto di puro cotone,  quando dovrebbe essere ovvio non adoperare altro tessuto per un bambino, tutto questo non è un po' strano in verità?
Chi con maggiore controllo, chi con molto meno, alla fine si acquista per cifre comunque poco in linea con i tempi e le condizioni economiche e lavorative attuali, è noto che viviamo  in un periodo di crisi catastrofico annunciato da anni a causa del mancato controllo sui prezzi in occasione dell'entrata in vigore dell'euro, in cui paradossalmente nasce l'idea della "lista baby", proprio perchè per i bambini devi necessariamente acquistare, mentre prima era più naturale semplicemente chiedere alla neo coppia di genitori cosa desiderassero per il loro bimbo o in alternativa regalare una cifra che potesse dare loro modo di fare gli acquisti più utili e di loro gusto.
Tra le mille difficoltà e contraddizioni di questa società, la più bella e che non soltanto io ho notato in questi ultimi tempi, è i tanti pancini tondi che girano per le strade italiane fiere di custodire vita, non c'è posto dove io sia sola col mio pancione, nel giro di un quarto d'ora ci osserviamo silenziose almeno in tre e magari vicino a piccole creature nate da giorni o pochi mesi.
Pare sia un fenomeno già verificatosi in altri periodi bui della storia dell'uomo quella di procreare maggiormente in periodi di crisi, come se la specie umana per  autoconservazione reagisca così al tentativo di distruzione che la minaccia, forse è l'istinto più sano che abbiamo conservato, forse il più incosciente, resta il fatto che è vero che in nome della vita e dell'amore un bambino ha il diritto di venire al mondo se desiderato e una coppia ha il diritto di  soddisfare l'istinto e la voglia di generare amore...su questo dovrebbe fondarsi oggi qualunque meccanismo attinente favorendo sotto tutti i punti di vista la vita e la sua qualità, sia di chi vuol mettere al mondo vita sia di chi deve venire al mondo.
E dopo aver riflettuto così a lungo insieme a voi, sperando che siate ancora li...hehehehe...con lo stesso immenso piacere di sempre vi saluto e vi sorrido sinceramente a presto!
Manu/Trilly :D

7 commenti:

  1. Ciao!
    Che bello 21 settimane!
    In bocca al lupo per tutto!
    Rispetto alle tue riflessioni sui costi di passeggini &co. ti consiglierei il libro di Giorgia Cozza "Bebé a costo a zero". Su anobii esiste anche un gruppo amministrato da lei...
    A parte il seggiolino per l'auto, potresti evitare l'acquisto di carrozina e passaggino e utilizzare la fascia o il mei tai per portare il tuo maghetto.
    Un bacione a te e alla pancia!

    RispondiElimina
  2. ciao Frida :D benvenuta! grazie per il prezioso consiglio!!! per quanto riguarda il mei tai io e il papà abbiamo già pensato al marsupio, ma per motivi pratici non ci sentiamo di rinuncare al Trio, credimi se me lo avessero prestato lo avrei preso volentieri! sono felicissima di aver saputo del tuo blog grazie a Barbara! allora crepi il lupo per tutto, un bacione a te e un saluto anche dal mio maghetto! :D

    RispondiElimina
  3. tantissimi auguri per te e il tuo piccolo.
    Io ho regalato buona parte delle cose (passeggino, sdraietto, lettino da camepggio etc.. etc..) praticamente nuovi, si usano veramente poco perchè creascono in un batter d'occhio.

    RispondiElimina
  4. ciao Dany...piacere di conoscerti e benvenuta nel mio blog! è proprio vero!!! si sa che questi oggetti sono indispensabili, ma si usano per veramente poco tempo, restano immacolati ed è giusto che vengano utilizzati per latri bimbi, hai fatto benissimo a regalarli...grazie per gli auguri e a presto! :D

    RispondiElimina
  5. Oh cara Manueluzza... quante di queste tue considerazioni sono state frutto di riflessioni e di ragionamenti anche per noi!
    A proposito di acquisti per bimbi... ecco come siamo riusciti ad acquistare quanto per lui veramente necessario senza spendere troppo.

    Passeggino trio: Marca Peg-Perego - Modello Trio-on track Questo qui:
    http://www.ebaby.it/peg-perego/trio-pliko-p3-on-track-modular-blu-royal-peg-perego.html
    Costo circa 370 euro! Modello anno precedente. Ottimo rapporto qualità prezzo. Già collaudato da Claudia (anche se lei ha un modello diverso)

    Fasciatoio: uno gonfiabile da poggiare su qualsiasi base/tavolo: costo 14 euro.

    Bagnarola: una bacinella comprata all'ikea per 7 euro circa

    Culla: presa in prestito

    Lettino: ancora da ordinare

    Insomma...i nostri piccolini hanno bisogno soprattutto d'amore... e su questo punto siamo perfettamente allineate! :-)

    Mi piace tanto l'ultima considerazione che hai fatto... Spiega tante cose anche a me...

    Ricordati quanto ti voglio bene tesoro!
    Ti abbraccio ancora ed ancora

    RispondiElimina
  6. Cara Manu secondo la mia esperienza l'unica cosa che devi comprare di ottima qualità è il passeggino, la carozzina,il letto da campeggio ,e il seggiolone servono per un tempo limitatissimo,per esempio mi ricordo per la mia prima figlia un seggiolone gigantesco di ottima marca ma sempre in mezzo ai piedi ad impicciare , l'ho buttato per disperazione e l'ho sostituito con uno più piccolo non di marca , ma molto funzionale. Il passeggino invece l'ho usato molto era della peg perego, praticamente ci sono andati tutti e tre i miei figlioli in alcuni periodi anche tutti insieme....

    RispondiElimina
  7. @ Chiara grazie per i consigli...bisogna agire d'ingegno per fare le giuste spese, cercheremo di fare del nostro meglio anche noi...:*
    @Max eravamo orientati per il Peg perego anche noi, dobbiamo solo accertarci delle misure e che chiuso stia del portabagagli, ma ora che tu mi dici che hai usato lo stesso per tuti e tre i tuoi figli sono certissima di fare il giusto acquisto! un abbraccio superpapy Max! ;D

    RispondiElimina

Il mio blog è captcha free, ciò significa che non perderai nè il tuo tempo, nè la tua vista per riuscire ad interpretare parole incomprensibili prima di poter lasciare i tuoi commenti :)
Lascia pure i tuoi commenti anche come anonimo, ma ricordati sempre di firmare, essi saranno visibili dopo la mia approvazione, così facendo potrò difendermi da spam, grazie mille per la tua pazienza!!! :)